SALUTE. Allarme morbillo: la Regione Piemonte invita a vaccinare i bambini

E’ allarme morbillo in Piemonte e la Regione, dopo aver registrato 132 casi conclamati da ottobre, invita a vaccinare i bambini, per evitare l’esplosione di un’epidemia su vasta scala. "E’ importante che i soggetti suscettibili – avverte Vittorio Demicheli, direttore dell’Assessorato regionale alla Sanità – cioè chi non è mai stato vaccinato e non ha mai mostrato i sintomi della malattia, si rivolgano alla propria Asl per chiedere la vaccinazione. Anche coloro che hanno ricevuto una sola dose dovrebbero richiedere la somministrazione della seconda. Il morbillo, infatti, è una malattia infettiva, molto contagiosa, che generalmente non presenta sintomi gravi, ma può avere complicanze tra cui otite media, laringite, polmonite ed encefalite".

Il focolaio, sviluppatosi nell’Asl 17 di Savigliano (Cuneo) a partire da un caso importato dall’Inghilterra, ha già fatto una piccola vittima: si tratta di una bimba di 10 anni già affetta da immunodeficienza congenita e quindi particolarmente indebolita. Sono sette, invece, i ricoverati: due per polmonite, quattro per febbre elevata ed eruzioni cutanee e una per cheratite bilaterale.
Seconda i dati forniti dall’Assessorato alla Sanità, che ha già attivato tutte le misure di controllo previste dalle direttive regionali e nazionali, questa è la prima epidemia in Piemonte dal 2003 quando vennero registrati 876 casi.

Comments are closed.