SALUTE. Campania, sospesi cibi aproteici. Contraria Cittadinanzattiva

Con il decreto n.17 del 24 marzo 2010, la Regione Campania ha trasferito sui pazienti nefropatici i costi della dieta aproteica. La misura regionale, infatti, ha decretato la sospensione dell’erogazione gratuita dei prodotti ipoproteici per i pazienti con insufficienza renale cronica da parte delle Aziende Sanitarie Locali.

"Assodato che devono essere attuate urgentemente misure che consentano alla sanità campana di rientrare dal deficit, ciò non può e non deve avvenire facendo sopportare ulteriori disagi ai cittadini campani" commenta la sede campana di Cittadinazattiva che, insieme a Federfarma Napoli, ha proposto alle aziende di fornire tali cibi gratis per un mese.

"Nel caso dei cibi aproteici la strada dei tagli non sembra la migliore da percorrere perchè, tra l’altro, non realizza un risparmio ma, al contrario, rischia di gettare le basi di un futuro ulteriore aggravio che peserà sul bilancio sanitario campano. La dieta aproteica, infatti, parallelamente a trattamenti farmacologici mirati rallenta sensibilmente la progressione della malattia renale ritardando il ricorso alla dialisi. I conti sono presto fatti. Le persone costrette a ricorrere a dieta aproteica a causa di una nefropatia sono circa 8000 e per consentire l’accesso gratuito ai cibi aproteici la Regione Campania ha stanziato nel 2009 4.000.000,00 di euro. Questo significa prevedere una spesa media annua pro capite di 500,00 euro. Un paziente in dialisi costa (esclusi i costi di ospedalizzazione) circa 35.000,00 euro l’anno. E’ evidente che un piccolo risparmio nel breve termine può tradursi nel medio-lungo periodo in un pesante aggravio per le casse della sanità regionale. Senza contare naturalmente che la qualità della vita della persona nefropatica costretta alla dialisi è nettamente peggiore rispetto a quella di chi riesce a trovare un suo complessivo equilibrio mediante il ricorso a cibi aproteici parallelamente ad un trattamento farmacologico" conclude l’Associazione.

Comments are closed.