SALUTE. Certificati on line, una circolare di Brunetta chiarisce i dubbi sulle sanzioni

Può dirsi conclusa la questione relativa alle sanzioni per i medici che disattendono l’obbligo di trasmissione telematica delle certificazioni di malattia. A conclusione di un lavoro tecnico che le Organizzazioni sindacali hanno accettato di condividere con il Ministro della Innovazione, ma anche con il Ministro della Salute, Ferruccio Fazio, ieri il ministro Brunetta ha firmato una terza circolare in materia indirizzata a tutte le pubbliche amministrazioni e contenenti ulteriori precisazioni sulle eventuali sanzioni a carico dei medici inadempienti.

L’Anaao Assomed esprime soddisfazione per i contenuti della circolare con la quale il Ministro Brunetta fornisce ulteriori indicazioni sul sistema di certificazione online.

Di fatto – spiega il Segretario Nazionale Costantino Troise – l’impianto sanzionatorio viene allineato allo stato di funzionamento del sistema, le cui criticità sono segnalate dai tavoli tecnici. Inoltre si riconosce alle Regioni la possibilità di individuare modalità organizzative delle procedure certificatorie atte a preservare le strutture sanitarie da un utilizzo inappropriato o da interferenze negative con le attività clinico-assistenziali. Per i pronto soccorso, accogliendo una nostra precisa richiesta, si rinvia alle singole aziende l’organizzazione delle procedure in virtù della estrema criticità della situazione attuale.

Ora – conclude Troise – sgombrato il campo da minacce, tanto pesanti quanto inapplicabili, riconosciuta la necessità di una gradualità di tempi applicativi e disponibilità di supporti amministrativi e informatici, è possibile continuare a perseguire le modifiche legislative necessarie a consentire ai medici di dedicarsi con serenità alla tutela della salute dei cittadini.

 

 

Comments are closed.