SALUTE. Coldiretti distribuisce nelle scuole la “merenda antivirus”

Con la distribuzione gratuita nelle scuole di oltre duemila merende "antivirus" è iniziata la sperimentazione del progetto frutta che nel nuovo anno scolastico coinvolgerà in Italia quasi 800.000 alunni delle primarie in tutte le Regioni e nelle Province Autonome. Una anticipazione del piu’ vasto programma comunitario è stata realizzata dagli agricoltori della Coldiretti in Romagna. Oltre ad avere un effetto concreto per fronteggiare nell’immediato, insieme ai vaccini, l’emergenza dell’influenza A nelle scuole, il progetto è importante – spiega la Coldiretti – nell’educazione al consumo di cibi sani per combattere la dilagate obesità, con un bambino italiano su tre che è obeso o in sovrappeso.

In Italia purtroppo un bambino su quattro – riferisce la Coldiretti – non consuma ortofrutta a tavola almeno una volta al giorno e con il progetto si punta dunque – spiega la Coldiretti – ad incentivare i consumi di frutta e verdura tra i bambini di età compresa tra i 6-11 anni con la distribuzione gratuita di almeno quattro specie di prodotti ortofrutticoli per merenda in piu’ occasioni, che sarà accompagnata da attività informative sulle funzioni nutrizionali anche attraverso fattorie didattiche, laboratori sensoriali, creazione di orti scolastici. La frutta che verra’ distribuita nelle scuole sarà quella di stagione e del territorio, per coniugare la salute con il concetto di identita’ produttiva e di rispetto dell’ambiente, in altre parole – precisa la Coldiretti – "a chilometri zero". L’iniziativa punta ad avere un effetto moltiplicatore attraverso la promozione, anche nelle case, di stili alimentari sani che aiutano a proteggere la salute.

Comments are closed.