SALUTE. Droga sempre meno costosa in Europa. Lo rileva Osservatorio Ue

Nella maggior parte dei paesi, si è registrata negli ultimi cinque anni una tendenza dominante al declino del prezzo al dettaglio di cannabis, eroina, anfetamina, ecstasy e cocaina. E’ quanto emerge dalla Relazione annuale 2006: "Evoluzione del fenomeno della droga in Europa" oggi pubblicata dall’Osservatorio Europeo delle droghe e tossicodipendenze.

Nonostante la carenza di dati storici sul prezzo al dettaglio e la difficoltà legata alla loro interpretazione, l’Osservatorio considera "preoccupante il fatto che questa tendenza recente avvalori l’ipotesi che i prezzi sarebbero diminuiti sul lungo periodo. Per esempio, le informazioni provenienti da alcuni paesi a prevalenza elevata suggeriscono che ecstasy e cocaina erano molto più costose tra la fine degli anni ottanta e l’inizio degli anni novanta rispetto a oggi".

Per quanto riguarda il consumo, secondo l’indagine sono 65 milioni i consumatori di cannabis una tantum e 22,5 milioni quelli nell’ultimo anno. In questo periodo sono stati invece 3,5 milioni gli adulti europei che hanno consumato cocaina. In particolare, il quadro generale sui livelli di consumo sembra additare a una stabilizzazione, dopo un periodo in cui il numero dei consumatori era cresciuto in maniera significativa.

Ammontano invece a 3 milioni i consumatori nell’ultimo anno di ecstacy e a 2 milioni di anfetamine, mentre per quanto riguarda gli oppiacei il rapporto sottolinea come, nel 2003, quasi 7 000 decessi improvvisi siano legati al consumo di droga, con circa il 70 % dei casi legato al consumo di oppiacei.

Comments are closed.