SALUTE. Emergenza caldo, Ministero invita ad usare con cautela l’aria condizionata

Tre buoni motivi per convincerci ad usare al meglio l’aria condizionata? Primo, ci deve far star bene e non aumentare rischi per la nostra salute. Secondo, può alleggerire la nostra bolletta energetica. Terzo, può farci contribuire al risparmio energetico del Paese. Così il Ministro della Salute Livia Turco ha risposto in una nota ad una lettera pubblicata sul settimanale Repubblica Salute, riguardante l’uso improprio dell’aria condizionata. "L’aria condizionata è infatti un importante presidio per vivere meglio quando fa caldo – spiega il Ministro – ci fa stare più tranquilli, sudare di meno ed anche sul luogo di lavoro, migliora il benessere individuale e quindi anche la produttività. L’aria condizionata è di sicuro l’elemento più importante per prevenire le nefaste conseguenze delle ondate anomale di calore".

Però, continua il Ministro, un uso improprio dell’aria condizionata può dare problemi alla salute e alla economia energetica del Paese: infatti è stato documentato un aumento di sintomi respiratori come la rinite, ma anche condizioni di disagio specialmente quando si è esposti a significative fluttuazioni della temperatura, passando da ambienti a temperatura tra loro diversa. A questo proposito la nota del Ministero elenca una serie di consigli utili per un utilizzo ottimizzato dell’aria condizionata, tra cui: chiudere le porte e le finestre quando la si sta utilizzando; fissare il termostato a non più di 3-4 gradi inferiori alla temperatura esterna; dopo aver raffreddato l’ambiente, se possibile regolare l’apparecchio sulla deumidificazione ("miglioreremo il nostro benessere – si legge nella nota – con un notevole risparmio di energia"); chiudere l’aria condizionata quando si esce di casa; provvedere a pulire e cambiare regolarmente i filtri degli apparecchi d i condizionamento, per evitare che si accumulino funghi e allergeni dispersi nell’aria.

 

Comments are closed.