SALUTE. Farmaci, decalogo per corretto utilizzo

Il ministero della Salute ha elaborato un decalogo per un uso sicuro dei farmaci da parte dei pazienti, in cui centrale è il rapporto con il medico. Una miniguida già pubblicata sul sito del ministero, in modo da metterla a disposizione di asl, medici di famiglia, ospedali, farmacie e di chiunque la voglia consultare. Il primo consiglio è quello di assumere medicinali solo su indicazione del medico e non perchè consigliati da un parente o un amico o dalla pubblicità in televisione. Anche per i farmaci da banco è sempre opportuno un consiglio dal medico o dal farmacista. È poi importante informarsi ed essere consapevoli della cura iniziata, e quindi chiedere al medico tutti chiarimenti necessari, inclusi quelli su effetti collaterali e interazioni con altri farmaci. Il terzo consiglio è quello di parlare apertamente con il medico, portando sempre con sè la lista dei farmaci che si sta prendendo, mentre il quarto è di informarlo se si è allergici ad alcuni medicinali. È poi importante riferire al medico la comparsa di disturbi durante la cura, rispettare le sue indicazioni su dosi e tempi di somministrazione, evidenziargli le difficoltà cui si va incontro se si devono assumere più farmaci per diverse malattie, e non sostituire i farmaci nè modificare la cura prescritta di propria iniziativa. Infine conservare i farmaci in modo sicuro, in luoghi asciutti e al riparo dalla luce, lontano dai bambini, e non esitare a chiedere aiuto se si assiste una persona malata.

"Un’importante iniziativa per guidare i cittadini verso un corretto utilizzo dei medicinali, aiutandoli ad avere un approccio consapevole ed evitare i pericolosi ‘fai da te". E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), che aggiunge:
"Puntare sull’educazione dei consumatori è la giusta strada per aiutarli a compiere scelte consapevoli e responsabili, specie in un settore delicato come quello dell’assunzione di farmaci".
"Da parte nostra – conclude Dona – daremo ampia eco al decalogo del Ministero: sebbene si tratti di raccomandazioni che tutti dovrebbero conoscere, è infatti utile garantirne la più ampia diffusione possibile, specie per quei consumatori più riottosi che rischiano di abbandonarsi a comportamenti irresponsabili".

Comments are closed.