SALUTE. Formaldeide in tessuti, Ministero: “Nessuna segnalazione dall’Europa”

Nessuna notifica da parte del sistema di allerta europeo Rapex in merito alla rilevazione di formaldeide in tessuti di origine cinese. La rassicurazione viene dal Ministero della salute, dopo la notizia di questi giorni sulla presenza di sostanza in prodotti tessili cinesi. In caso di segnalazioni da parte del sistema RAPEX, infatti, i conseguenti provvedimenti di ritiro e sequestro riguarderebbero anche il nostro Paese.

"Si sottolinea, comunque, – tranquillizza il Ministero – che la formaldeide è una sostanza estremamente volatile, soggetta a evaporazione, e questa sua caratteristica fa sì che anche qualora sia presente nei tessuti il suo quantitativo nel prodotto giunto alla vendita generalmente non supera i limiti previsti da alcuni paesi europei (in Germania il limite per i tessuti è 150 ppm – mg/kg- per gli adulti e 30 ppm per gli indumenti per bambini, in Francia, per gli indumenti a diretto contatto con la pelle è di 200 ppm, in Olanda 120 ppm)".

Il Ministero della salute, infine, sta valutando l’opportunità dell’istituzione di un sistema di sorveglianza nazionale per la valutazione dei rischi derivanti dalla possibile presenza di coloranti potenzialmente sensibilizzanti o tracce di sostanze tossiche o cancerogene sia nei processi lavorativi di produzione sia come residui nel prodotto tessile finale. A questo proposito, ha già sottoscritto un Accordo di collaborazione per l’Istituzione dell’Osservatorio nazionale per la valutazione dei rischi sulla salute da prodotti tessili.

Comments are closed.