SALUTE. Genova, meno smog significa meno malattie

L’ambiente inquinato incide pesantemente sullo stato di salute dei cittadini. Per attirare l’attenzione sul problema, Valerio Gennaro dell’associazione genovese dei Medici per l’Ambiente (ISDE, Genova) e Vittorio Bigliazzi del Movimento Difesa Del Cittadino (MDC Genova) hanno presentato agli Assessori regionali della Liguria Claudio Montaldo (Assessore alla Salute) e Franco Zunino (Assessore all’Ambiente) un progetto sul rapporto tra salute e inquinamento atmosferico, in particolare quello prodotto dalle polveri sottili. Obiettivo dell’iniziativa è, tra gli altri, quello di favorire la collaborazione fra gli assessorati regionali all’Ambiente ed alla Salute.

L’inquinamento dell’aria da Pm10 può provocare nella sola Genova centinaia di decessi all’anno, sia a breve che a lungo termine. Il progetto illustrato dalle due associazioni chiede di invitare due epidemiologi dell’OMS di Roma ed un esperto dell’ARPA (Agenzia ambientale della Regione) di Roma, per spiegare gli studi sul binomio malattie-smog. Fra le varie proposte si auspica di organizzare, nel periodi settembre-ottobre, un convegno sull’argomento ed una serie di collaborazioni fra Comune e Provincia. Allo stesso tempo MDC e Medici per l’Ambiente di Genova chiedono di chiamare studiosi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dell’ARPA per la realizzazione di un’analisi sul territorio genovese, verificando la reale connessione fra salute e inquinamento della città. Il responso degli esperti dovrebbe arrivare entro dicembre 2007.

Una volta stabilite le fonti inquinanti, dovrebbero essere messe in campo le misure necessarie, con la partecipazione di Enti pubblici e locali. "In modo particolare – sostengo le due associazioni – gli Enti Locali risultano determinanti in quanto le fonti di inquinamento insistono nel loro territorio e, pertanto, di loro competenza. Infatti è facile prevedere che, tra le fonti "incriminate", vi siano in modo particolare l’energia usata per l’elettricità ed il riscaldamento degli edifici pubblici e privati ed il traffico cittadino. Chiaramente le competenze per gli interventi necessari a ridurre il danno spettano in modo particolare al Comune ed a coloro che il Comune vorrà chiamare a collaborare a questa complessa e difficile azione di riduzione del danno a favore della salute dei cittadini".

Comments are closed.