SALUTE. Inaugurata oggi l’Agenzia Ue dei Prodotti Chimici, strumento di lavoro per il REACH

Il presidente della Commissione Ue, José Manuel Barroso e il suo vice, Gunter Verheugen, hanno ufficialmente inaugurato oggi l’Agenzia Europea dei Prodotti Chimici (AEPC), che ha sede a Helsinki. Il compito di quest’agenzia è quello di mettere in atto le procedure di registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche, nell’ambito del REACH. Dal 1° giugno sono diventate operative già 2 procedure del REACH: la registrazione delle sostanze chimiche e la registrazione preventiva di oltre 30mila sostanze attualmente utilizzate, come alcuni acidi, metalli o solventi. I produttori o gli importatori di queste sostanze sono tenuti a registrarle entro il 1° dicembre 2008 se vogliono continuare la loro produzione o importazione senza interruzioni. Si stima che saranno presentati circa 180mila dossier di preregistrazione.

In aiuto alle imprese, soprattutto alle piccole e medie imprese, l’AEPC ha messo a disposizione una serie di guide tecniche e, all’inizio del 2009, pubblicherà sul suo sito web la lista delle sostanze estremamente preoccupanti. Queste infatti saranno oggetto di una procedura di autorizzazione che dovrà dimostrare che i rischi posti da queste sostanze sono controllati e che i vantaggi socio-economici che derivano dal loro utilizzo compensano i rischi. Barroso ha dichiarato: "la creazione dell’AEPC è un passo importante nella strada dell’applicazione concreta della nuova legislazione comunitaria sulle sostanze chimiche. Questa porterà benefici ai cittadini dell’Ue perché permetterà un netto miglioramento della loro salute e dell’ambiente".

Comments are closed.