SALUTE. L’Europa verso una nuova legge sul tabacco

La Commissione Europea vuol rivedere la direttiva sui prodotti del tabacco e per questo ha aperto oggi una consultazione pubblica, cui possono partecipare tutte le parti interessate, per cercare di migliorare la consapevolezza sui pericoli derivanti dall’uso del tabacco ed incoraggiare i cittadini a smettere di fumare. Si potrebbe pensare, ad esempio, ad immagini pubblicitarie a contenuto sanitario più grandi e distribuite su 2 lati dei pacchetti di sigarette, ad una regolamentazione delle sostanze nocive, tese a indurre dipendenza e attrazione da parte dei prodotti del tabacco.

"Il tabacco non è un prodotto come un altro: induce alla dipendenza, causa malattie e sofferenze ai cittadini e costi sanitari evitabili ai governi europei – ha dichiarato John Dalli, commissario UE per la salute – Il 30% degli Europei fuma tuttora. Ma sono particolarmente preoccupato per il 35% dei giovani che fumano. Alla vigilia della Giornata Mondiale per il Cuore voglio ricordare agli Europei che qualsiasi esposizione al tabacco — fumo attivo e passivo o masticazione di tabacco – può aumentare i rischi di malattie cardiache o di altri problemi cardiovascolari".

Il tabacco è, purtroppo, la maggiore causa singola di decessi evitabili nell’UE, pari a 650 000 circa morti premature all’anno; l’UE vuol aggiornare dunque una legge che risale al 2001 e che si limita a fissare le quantità massime di sostanze come nicotina, catrame e ossido di carbonio, nelle sigarette. Impone ai fabbricanti di stampare testi di avvertenza sanitaria sui prodotti del tabacco e vieta termini come "light", "mild" o "low tar" (a basso tenore di catrame). Ma, secondo la Commissione, la legislazione non affronta in misura sufficiente i problemi sanitari e di sicurezza relativi ad alcuni prodotti del tabacco e alla nicotina come le sigarette elettroniche. L’adozione di una nuova proposta legislativa è prevista per l’inizio del 2012.

Comments are closed.