SALUTE. LILA lancia “Yes We Condom”, campagna di prevenzione dell’Aids

Si chiama "Yes We Condom – Scatto anch’io!" ed è la nuova campagna di prevenzione promossa dalla LILA, Lega Italiana per la Lotta contro l’Aids. La campagna promuove l’uso del profilattico, come metodo efficace per non contrarre il virus dell’Hiv e invita ad inviare la propria foto per diventare testimonial diretto della campagna.

L’Italia è agli ultimi posti in Europa per l’utilizzo del profilattico, che quasi è considerato ancora un tabù. Nonostante questo, i dati ci dicono che la prima via di contagio del virus in Italia è il rapporto sessuale e sono in aumento le infezioni attraverso rapporti eterosessuali; è, inoltre, alta la percentuale di donne che acquisisce il virus dal partner abituale.

L’UNAIDS da alcuni anni, in occasione della Giornata Mondiale di lotta all’AIDS, invita i governi ad assumersi la responsabilità di politiche efficaci di prevenzione per contrastare il diffondersi dell’hiv e sostenere, al contempo, le persone sieropositive.

"La responsabilità alla quale fa riferimento l’ONU – sottolinea Alessandra Cerioli, presidente nazionale della LILA – riguarda anche quella di dare messaggi chiari, comprensibili, scientifici e non moralisti. Purtroppo, in Italia, la comunicazione istituzionale in tutti questi anni è stata il più delle volte inefficace e ha spesso utilizzato l’epidemia da Hiv come spauracchio per proporre stili di vita e ricette morali che nulla hanno a che fare con la prevenzione. Il risultato, fotografato dai dati epidemiologici e da quanto emerge ai nostri centralini, ci dice che le persone hanno elaborato una distorta percezione del rischio e, di conseguenza, una profonda incapacità a gestirla sul piano della prevenzione".

Secondo i dati l’attenzione al rischio di contagio sta calando; il 60% delle diagnosi riguarda persone che scoprono la propria sieropositività molti anni dopo l’infezione, quando la diagnosi è già di Aids conclamato. "Per questo – spiega Cerioli – la Lila ha scelto di assumersi la responsabilità di parlare forte e chiaro attraverso una campagna che vogliamo rendere il più possibile visibile anche con l’aiuto delle singole persone che ci ascoltano e che condividono il nostro obiettivo: scegliere oggi il profilattico a viso aperto, come mostra la nostra campagna, vuol dire scegliere da che parte stare, essere protagonisti nella sfida per abbattere un tabù".

Comments are closed.