SALUTE. La Commissione prepara un piano d’azione per la lotta alla droga

La relazione annuale 2007 sulla situazione delle droghe in Europa, pubblicata oggi dall’OEDT (Osservatorio Europeo sulle Droghe e le Tossicodipendenze), consente alle istituzioni europee di seguire la situazione, in costante evoluzione, dell’uso delle droghe illegali e di reagire sulla base di elementi concreti e obiettivi. I dati forniti dall’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze sono essenziali per la valutazione annuale della Commissione sul piano d’azione dell’UE in materia di lotta contro la droga (2005-2008), che sarà pubblicata il mese prossimo.

A seguito della Relazione il vicepresidente della Commissione, Franco Frattini, Commissario responsabile per il portafoglio Giustizia, libertà e sicurezza, ha evidenziato che i dati sono confortanti per quanto riguarda l’uso della cannabis e dell’eroina, che "in Europa sembrano essersi stabilizzati, rispetto a un decennio fa, grazie alle strategie antidroga adottate a livello comunitario e nazionale e ai maggiori investimenti per la prevenzione e il trattamento delle tossicodipendenze". "L’Unione europea – continua Frattini – è meglio preparata per affrontare il problema delle droghe illegali. Tuttavia, l’elevato numero di decessi correlati all’uso di stupefacenti e il preoccupante incremento dell’uso di cocaina in alcuni Stati membri sottolineano la necessità di una cooperazione continuativa a livello europeo volta a contrastare i criminali che gestiscono la produzione, il traffico e la vendita di droghe illegali su vasta scala".

L’andamento crescente del consumo di cocaina è stato confermato anche dal record di sequestri di questa sostanza: 107 tonnellate, vale a dire il 45% in più del quantitativo di cocaina sequestrato nel 2003. Per affrontare questa situazione il piano d’azione dell’UE in materia di lotta contro la droga 2005-2008 comprende più di 80 azioni che vanno dalla riduzione della domanda e dell’offerta alla lotta contro il traffico illecito e all’azione a livello internazionale.

Per ulteriori informazioni sulla cooperazione UE nel campo delle droghe cliccare qui

 

Comments are closed.