SALUTE. Latte in polvere contaminato made in China, non ci sono pericoli per l’Italia

Sono 1.253 i bambini cinesi cui sono stati diagnosticati calcoli renali dopo aver ingerito latte in polvere contaminato da una sostanza chimica, la melamina. Stando a quanto ha reso noto il Ministero della Sanita’ di Pechino, citato dall’agenzia Xinhua, due bimbi sono deceduti ed altri 53 versano in condizioni critiche. Il Sottosegretario di Stato con delega alla salute, On.le Francesca Martini, ha rassicurato che sulla base di quanto comunicato dal sistema rapido di allerta comunitario (RASFF) si esclude la possibilità che tale latte possa essere stato commercializzato in Europa e quindi anche in Italia.

Il Sottosegretario precisa inoltre che il latte in polvere prodotto in Cina, anche in base a normative comunitarie, non può essere importato in Europa e che si è provveduto comunque ad allertare gli Uffici periferici del Ministero per rafforzare le misure di controllo all’importazione al fine di impedire tentativi di ingresso illegale di tali prodotti .

Comments are closed.