SALUTE. Lotta al dolore, Federazione Cure Palliative plaude all’impegno del Ministro

Le dichiarazioni del Ministro della Salute, Livia Turco, a favore della diffusione dell’utilizzo terapeutico della cannabis e dell’introduzione del Dronabinol, molecola non in commercio in Italia, riaprono l’importante dibattito sull’utilizzo clinico degli oppiacei e riaccendono le numerose richieste di abolizione del ricettario speciale, necessario per la prescrizione di questi farmaci. Così la Federazione Cure Palliative, che nei ha proposto una raccolta di firme per proporre una petizione, plaude all’impegno mostrato dal Ministro.

"Apprezziamo molto l’interesse dimostrato dal Ministro per il dolore, la presa di coscienza del ritardo che il nostro Paese evidenzia nel trattamento della sofferenza inutile e l’impegno ad adottare misure concrete per superare i problemi – ha commentato la dott.sa Francesca Crippa Floriani della Federazione Cure Palliative – Ci auguriamo anche che il Ministro continui la strada intrapresa verso l’abbattimento dei numerosi ostacoli creati dalla recente legislazione alla diffusione dei farmaci oppioidi, da anni conosciuti per la loro sicurezza e la loro efficacia nel trattamento del dolore, a partire dall’abolizione del ricettario speciale per la prescrizione degli oppiacei. Questo per i 240 mila malati (di cui 140 mila terminali) che ogni anno soffrono del tutto ingiustamente".

Comments are closed.