SALUTE. Malattie cardiovascolari, Parlamento Ue: più sforzi per prevenzione

Con 1,9 milioni di decessi nel 2005 (il 42% del totale), le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte per gli uomini e le donne nell’Unione europea. Il costo totale delle malattie cardiovascolari nell’UE ammonta a 169 miliardi di euro, di cui 105 miliardi di euro sono spesi per il trattamento di tali malattie e 64 miliardi di euro sono dovuti alla perdita di produttività e al costo delle cure informali, mentre il 3% delle spese sanitarie si riferisce alla prevenzione e ai programmi di sanità pubblica.

Il Parlamento Europeo ha approvato ieri una risoluzione con la quale invita la Commissione a presentare una raccomandazione relativa alle malattie cardiovascolari. Allo stesso tempo l’europarlamento auspica che l’esecutivo e gli Stati membri raggiungano un consenso al fine di fissare obiettivi per la gestione dello screening e del controllo dell’ipertensione, nonché sviluppare e attuare strategie di promozione della salute cardiovascolare, di identificazione precoce dei gruppi ad alto rischio e di prevenzione.

Dal punto di vista finanziario, il Parlamento chiede un costante sostegno a favore della ricerca volta a prevenire le malattie cardiovascolari, inclusa la ricerca sui fattori di rischio, la prevalenza e i fattori genetici delle malattie cardiovascolari e, in proposito, invita la Commissione a segnalare agli Stati membri le opportunità di finanziamento disponibili a titolo del Settimo Programma quadro di ricerca, dei Fondi strutturali e del Fondo europeo di sviluppo.

Il Parlamento invita la Commissione a migliorare la comparabilità dei dati, promuovendo la creazione di una banca dati per il monitoraggio della prevalenza, della mortalità, della morbilità e dei fattori di rischio delle malattie cardiovascolari negli Stati membri. La esorta inoltre a sviluppare valutazioni di impatto sulla salute e a misurare l’onere delle malattie cardiovascolari e dell’ipertensione sulla produttività economica europea negli Stati membri.

Comments are closed.