SALUTE. Manovra, Cittadinanzattiva: “Cancellato indennizzo ai danneggiati da sangue infetto”

Continuano le critiche alla manovra finanziaria da parte di Cittadinanzattiva. "Si continua a tagliare sulla pelle dei cittadini: dopo l’indennità di accompagnamento per i disabili, la manovra finanziaria colpisce i danneggiati da sangue infetto". Cittadinanzattiva si riferisce all’articolo 11, comma 13 e 14, della manovra finanziaria. "Il comma 13 cancella, infatti, la rivalutazione dell’indennizzo previsto dalla legge 210/92 per chi ha contratto l’epatite e/o l’Aids da emoderviati o da trasfusioni infette: nega cioè che tale prestazione solidaristica sia adeguata al costo della vita".

"Siamo arrivati, quindi, a "inchiodare" gli importi ai valori di oltre 18 anni fa (la legge è del 1992) e ad affermare che questi cittadini – spiega Cittadinanzattiva in una nota – fra qualche anno non percepiranno, di fatto, più alcun indennizzo perché lo stesso sarà completamente eroso dalla svalutazione monetaria. Il successivo comma 14 cancella, inoltre, qualsiasi eventuale sentenza della magistratura che, di contro, accertasse il diritto di un singolo alla rivalutazione della somma: dunque ledendo non solo i diritti del cittadino ma lo stesso Stato di Diritto, poiché il potere esecutivo di fatto annulla qualsiasi decisione giudiziaria in merito".

Cittadinanzattiva rivolge un appello ai parlamentari e agli opinion leaders perché sia cancellato tale emendamento che produrrebbe conseguenze sciagurate e ingiuste per i cittadini.

Comments are closed.