SALUTE. Milano capitale della lotta al tumore del rene nei bambini

Milano capitale della lotta contro il nefroblastoma, un tumore infantile del rene che colpisce in Italia 70 bambini l’anno. Si è tenuta a Milano la due giorni internazionale dedicata al tumore di Wilms – una neoplasia del rene nei bambini – che ha ospitato 50 ricercatori internazionali accolti in un convegno organizzato dal Corriere della Sera-RCS Media Group. Al meeting erano presenti inoltre chirurghi, radioterapisti, oncologi e biologi provenienti da tutto il mondo nell’obiettivo di elaborare terapie sempre più efficaci nella lotta al nefroblastoma, il tumore al rene più frequente nei bambini tra i tre e i quattro anni, più raro invece a partire dai 10 anni di età.

"Insieme per combattere il tumore al rene dei bambini", ha dichiarato Franca Fossati, primario di Pediatria dell’Istituto dei Tumori, ricordando che "alla luce della scarsa frequenza della malattia, è fondamentale promuovere programmi di ricerca internazionali". Proprio per confrontarsi sulle cure di questa malattia e sui diversi protocolli di cura, erano presenti i rappresentanti della Siop, il gruppo di studi sui tumori renali in oncologia pediatrica, e dell’Aieop, l’associazione italiana di ematologia e oncologia, che pur collaborando, hanno una filosofia di cura diversa per la cura di questa neoplasia, nonostante i risultati finali siano sovente sovrapponibili.

La Siop, prima dell’intervento chirurgico di asportazione del rene malato, propone un ciclo di chemioterapia volto a ridurre la dimensione stessa del tumore. I colleghi dell’Aieop (italiani e americani, in generale), prediligono invece l’approccio prettamente chirurgico, per poi passare in una fase successiva alla cura chemioterapica.

Comments are closed.