SALUTE. Milano, domani “Schiscetta Day” contro cattiva qualità mense scolastiche

MILANO – Riprende domani lo "Schiscetta day"– dal nome del caratteristico contenitore in latta che conteneva il pranzo dei muratori – per protestare contro la cattiva qualità dei cibi serviti nelle mense scolastiche milanesi gestite da Milano Ristorazione, il servizio del Comune che fornisce i pasti agli studenti. Domani, come era già avvenuto la settimana scorsa, le mamme e i papà di alcuni istituti cittadini manderanno a scuola i loro figli con un sacchetto con sopra la scritta "Schiscetta Day".

"Milano Ristorazione ha raddoppiato le rette ma continua a proporre alcuni piatti scadenti", si leggeva in un volantino dei genitori, che è stato fatto circolare con il passaparola la settimana scorsa raccogliendo consensi nelle varie scuole della città. L’iniziativa, a cui hanno aderito gran parte delle scuole di Milano, è nata da un gruppo di mamme e papà ma si è poi estesa velocemente attraverso la Rete.

La settimana scorsa, i bambini sono andati a scuola con la propria "schiscetta" e con una comunicazione scritta rivolta agli insegnanti in cui i genitori chiedevano che ai propri figli non venisse somministrato il pasto della refezione ma quello al sacco portato da casa (come peraltro accade nei casi di interruzione del servizio).

Secondo i genitori dei bambini che consumano il pasto di mezzogiorno a scuola, il servizio proposto da Milano Ristorazione costa quasi il doppio, senza un proporzionale aumento della qualità dei prodotti. I genitori lamentano anche che l’azienda continua a proporre alcuni piatti giudicati "scadenti",come polpette, pizza e lasagne o le famigerate crocchette di totano, giudicate dalla commissione mensa di una scuola primaria cittadina "inaccettabili a causa del gusto di cloro-ammoniaca".

Milano Ristorazione poi, a detta dei genitori, nei rifornimenti non si ispira assolutamente alla filosofia del "km zero", poiché viene accusata di acquistare all’estero prodotti come la mozzarella per la pizza, che arriverebbe dalla Germania. "La salute comincia a tavola. Chiediamo quindi più qualità nei piatti delle scuole di Milano", si legge nel volantino che circola oggi nelle scuole per invitare i genitori allo "Schiscetta day" di domani.

La decisione, ricorda la nota, "deriva dalla necessità di levare una voce nei confronti di un servizio e di un’azienda che ha quasi raddoppiato le rette, senza un proporzionale aumento della qualità dei prodotti e del servizio". Secondo i genitori Milano Ristorazione "continua a proporre alcuni piatti qualitativamente scadenti e poco accettati dai bambini, tutti cibi precotti e preconfezionati, nonostante le segnalazioni di non conformità delle Commissioni mensa, e si ostina ad acquistare all’estero sempre più prodotti, anche carne, verdure surgelate, anche quando potrebbero essere di stagione".

Infine, nonostante la richiesta delle Commissioni mensa cittadine, i prodotti bio sono scarsamente utilizzati l’azienda appalta il servizio a personale che spesso risulta del tutto inadeguato".

di Flora Cappelluti

Comments are closed.