SALUTE. Milano, il giusto equilibrio tra forma e benessere aiuta a vivere meglio

Utili consigli per mantenersi in forma, trovando un sano equilibrio tra attività fisica e corretto stile alimentare, sono il contenuto della guida presentata ieri a Milano dall'assessore alla Salute Carla De Albertis. L'opuscolo nasce dopo l'emanazione del Codice di Autoregolamentazione della Moda studiato per prevenire e combattere i disturbi dell'alimentazione.

La guida “In Salute e in Forma – Il giusto equilibrio. Aiutati a vivere meglio” è stata ideata non solo per le modelle, ma anche per i giovani ed cittadini, e sarà distribuita in anteprima alla sfilata di moda del 15 febbraio in corso Sempione, organizzata da Comune e ASSEM. L’opuscolo, disponibile nelle farmacie cittadine, sarà inoltre diffuso in occasione della manifestazione “Plusize il Salone delle Taglie Comode”.

"Grazie alla collaborazione – ha spiegato l’assessore De Albertis. – con la Camera Nazionale della Moda Italiana e con l’Associazione Servizi Moda (ASSEM) e con il supporto di medici, psicologi e sociologi riuniti attorno al ‘Tavolo Salute e Moda’, è nato il Codice di Autoregolamentazione per la moda. Per primi in Italia abbiamo voluto lanciare un messaggio di salute e di professionalità attraverso la moda, per ricordare a tutti, non solo alle indossatrici, che una donna che pratica sport, mangia sano e ha uno stile di vita corretto può essere magra e nello stesso tempo sana. Una grande alleanza con la Moda – ha concluso De Albertis – per promuovere stili di vita corretti, dall’alimentazione al movimento, al rifiuto degli eccessi, alla libertà dalle dipendenze".

Il Codice, redatto con il supporto del comitato scientifico composto da medici ed esperti, componenti del Tavolo Moda e Salute, fornisce alle indossatrici suggerimenti per uno stile di vita sano e sportivo: dalla dieta sana come stile alimentare, al movimento fisico, dalle indicazioni per affrontare lo stress e per prepararsi al meglio per una sfilata, a come comprendere di soffrire di disturbi alimentari.

Comments are closed.