SALUTE. Occhiali 3D, la circolare del Ministero

Per la visione di spettacoli cinematografici stereoscopici deve essere garantita agli spettatori l’informazione che l’utilizzo di occhiali 3D è controindicato per i bambini al di sotto dei sei anni d’età e che l’utilizzo dei medesimi occhiali negli adulti va limitato nel tempo, per una durata complessiva non superiore a quella di un singolo spettacolo, compreso l’intervallo. E’ quanto ha specificato il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, nella circolare emanata oggi alla luce delle considerazioni espresse dal Consiglio Superiore di Sanità.

La Circolare – inviata agli esercenti della sale cinematografiche, ai Dipartimenti di prevenzione delle Asl ed al Comando dei Carabinieri per la tutela della Salute (NAS) – riferisce, inoltre, che il Consiglio Superiore di Sanità, in considerazione del rischio di un aumento di trasmissione di infezioni batteriche e virali derivanti da un’utilizzazione inadeguata di occhiali 3D multiuso, ha espresso il parere che agli spettatori debba essere garantita la fornitura di occhiali monouso.

Comments are closed.