SALUTE. Oggi Giornata Mondiale della Salute Mentale

"Oggi- ha dichiarato il Ministro Turco – si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale della Salute Mentale promossa dall’OMS. Quest’anno è dedicata alle problematiche connesse con la riduzione del rischio di suicidio legato alla malattia mentale". Secondo il Ministro si tratta di problema "purtroppo molto esteso soprattutto in alcuni Paesi europei e che resta, anche in Italia, tra le principali cause di morte in età giovanile. Il nostro Paese, tuttavia, presenta indici di suicidio molto inferiori alla media europea con un tasso di incidenza di 11,1 casi su 100.000 abitanti per gli uomini e di 3,3 su 100.000 per le donne. Dati che, fortunatamente, ci collocano al terz’ultimo posto in Europa dopo Grecia e Regno Unito".

"L’attenzione a queste tematiche – sottolinea Turco – ci riconduce però alla necessità di riappropriarci di una vera politica per la salute mentale dopo anni di sostanziale disinteresse da parte del centro destra. Un atteggiamento testimoniato dalla riduzione dei fondi e degli investimenti nel settore e da un progressivo allontanamento dallo spirito della legge 180 che ha avuto come prima conseguenza quella di una generale percezione di abbandono da parte delle Istituzioni nei confronti dei malati e delle loro famiglie. Come annunciato in occasione della presentazione del programma di Governo per la sanità, ho intenzione di riannodare quei contatti, quelle sensibilità e quelle esperienze maturate in questi decenni di attività dei servizi di tutela della salute mentale in tutta Italia con l’obiettivo principale di ridare centralità al problema del disagio psichico".

"Non dimentichiamo che – conclude il Ministro della Salute – secondo le stime più recenti dell’Oms, una persona su quattro nel corso della sua vita incontrerà problemi di natura psichiatrica che necessiterebbero di interventi puntuali e mirati e che almeno 10 milioni di italiani soffrono abitualmente di problemi connessi alla salute mentale di varia intensità e gravità. Per questo, nel corso del 2007, sarà indetta una conferenza nazionale sulla salute mentale con al centro un prioritario grande obiettivo: quello di ridare centralità alla psichiatria di comunità intesa come capacità di prendersi cura delle persone e delle loro famiglie in modo complesso e intersettoriale e non limitato agli aspetti strettamente medici e farmacologici. Un impegno trasversale che deve coinvolgere le Regioni, il Ssn e le altre istituzioni locali, ma anche la scuola, la cultura e il mondo del lavoro a testimonianza di un rinnovato impegno sociale e di civiltà di tutto il Paese".

 

Comments are closed.