SALUTE. Ottobre mese della vista, Commissione Difesa: sì a controlli periodici

Domani ricorre la giornata mondiale della Vista, promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms): il tradizionale appuntamento autunnale permetterà di sottoporsi a visite gratuite e raccogliere informazioni utili in termini di prevenzione non solo domani, ma nell’arco di tutto il mese di ottobre considerato il mese della vista. La Commissione Difesa Vista ricorda l’importanza di sottoporsi a controlli periodici: secondo una recente ricerca della Commissione, il 66% degli italiani ha difetti visivi, il 53% porta occhiali correttivi mentre il 17% non corregge il difetto (1 persona su 4). Inoltre un italiano su 5 non si è mai sottoposto a un controllo oculistico. Più del 60% non fa un esame da oltre tre anni. La situazione è piuttosto allarmante e non migliora, se si guarda ai dettagli.

I bambini sono i primi a necessitare di attenzione, perché il loro disagio visivo spesso rimane inespresso o, peggio ancora, trascurato. In Italia il 40% degli alunni presenta un difetto visivo, ma non utilizza gli occhiali, il 51,4% dei genitori non è "attivo" nei confronti della prevenzione oculare e 7 genitori su 10 ritengono le visite oculiste "non necessarie". È dunque opportuno sottoporre i bambini, fin dall’infanzia, a controlli mirati e prestare particolare attenzione ai loro comportamenti: se un problema c’è, va individuato in tempo.

Oltre ai bambini in età prescolare e scolare, altra categoria la cui vista è sottoposta a stress non indifferenti è quella dei video terminalisti: ben i 2/3 soffrono di disturbi visivi spesso trascurati come affaticamento, visione offuscata e mal di testa, mentre in generale il 25% di coloro che lavorano al pc presentano anche problemi muscolo-scheletrici. Postura giusta, luci, schermo, tipo di seduta; se le regolazioni di queste variabili fondamentali non vengono effettuate in modo corretto è possibile che insorgano disturbi.

Comments are closed.