SALUTE. Parlamento Ue chiede nuovi limiti per l’esposizione alle onde elettromagnetiche

Limitare l’esposizione della popolazione alle onde elettromagnetiche emesse da telefonini, wifi e reti elettriche, allontanando soprattutto da scuole e ospedali ripetitori e tralicci. E’ quanto chiede il Parlamento europeo che ha approvato oggi una relazione in cui si propone la condivisione di antenne e trasmettitori tra i vari operatori. Gli eurodeputati riflettono sul fatto che l’aumento costante dell’esposizione alle onde elettromagnetiche, collegato all’avvento di tecnologie sempre più avanzate, è dannoso per la salute umana.

Il Parlamento esorta quindi la Commissione a rivedere i limiti relativi all’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici da 0 Hz a 300 GHz; tali limiti risalgono al 1999. I parlamentari pensano, inoltre, ad una norma unica comunitaria che consenta di ridurre al minimo l’esposizione dei cittadini in caso di ampliamento della rete di linee elettriche ad alta tensione.

Ci dovrebbe poi essere un sistema unico di autorizzazione all’installazione di antenne e ripetitori, e gli Stati membri dovrebbero inserire tra i piani di urbanizzazione anche un Piano territoriale per lo sviluppo delle antenne. Per migliorare l’informazione dei consumatori, i deputati chiedono l’obbligo di etichette sulla potenza di emissione che preveda l’indicazione, per ciascun apparecchio funzionante "senza fili", del fatto che lo stesso emette microonde.

Il Parlamento Ue si è anche lamentato del fatto che alcuni operatori telefonici, soprattutto durante i periodi di festa, lancino "campagne di marketing particolarmente aggressive", ad esempio la vendita di telefoni cellulari destinati esclusivamente ai bambini o le offerte "minuti gratuiti" mirate per gli adolescenti.

Secondo i deputati nella politica comunitaria sulla qualità dell’aria si deve inserire lo studio degli elettrodomestici "senza filo", ad esempio il Wifi per l’accesso a Internet e il telefono digitale cordless "DECT", che espongono i cittadini a un’emissione continua di microonde.

Per maggiori informazione cliccare qui

Comments are closed.