SALUTE. Reach, insoddisfatti gli ambientalisti, medici, consumatori, lavoratori e sindacati

Le organizzazioni (Wwf, Legambiente, Greenpeace, Amici della terra, Movimento Difesa del Cittadino, Altroconsumo, Green Cross Italia, Associazione ambiente e lavori, Cgil, Cisl, Uil e Res) sono insoddisfatte a riguardo dell’accordo fra i rappresentanti del Parlamento europeo e il Consiglio dei ministri su Reach, il regolamento in materia di sostanze chimiche. "Questo accordo consentirà a molte sostanze chimiche altamente preoccupanti – si legge dalla nota congiunta – fra cui quelle che provocano cancro, difetti congeniti e altre serie patologie – di rimanere sul mercato ed essere utilizzate nei prodotti di largo consumo, anche in presenza di alternative più sicure". Le organizzazioni chiedono quindi ai parlamentari di rafforzare Reach in sede di votazione della proposta, a metà di dicembre.

Comments are closed.