SALUTE. Sanit 2011: focus sugli anziani. Domani le mamme di “Io allatto dove mi pare”

Rendere partecipi i cittadini ai grandi temi della sanità italiana e rendere partecipi gli operatori del comparto sanitario delle priorità della sanità pubblica. Sono due degli obiettivi di Sanit, forum internazionale della Salute, in corso a Roma fino a domani. Fra le numerose iniziative in calendario, si segnala oggi la partecipazione del ministro della Salute Ferruccio Fazio al convegno dell’Assemblea nazionale di Federanziani.

L’Italia è sempre più vecchia e questo cambierà giocoforza l’assetto del sistema sanitario: il 20% della popolazione ha più di 65 anni, il 50% ha una malattia cronica, nel 2050 gli anziani rappresenteranno il 35% della popolazione quindi la tendenza del futuro sarà non l’ospedalizzazione ma la cura e la gestione delle malattie croniche sul territorio attraverso la prevenzione.

È quanto sottolineato nel convegno, nel corso del quale il ministro ha inoltre detto che "il Governo ha investito 5,5 miliardi per la prevenzione, ma ancora troppo spesso si creano file al pronto soccorso, quindi stiamo cercando di spostare le patologie da codice verde in altri centri e ci auguriamo che sia un’iniziativa che abbatta le code nei reparti di urgenza". Fazio ha inoltre illustrato i progetti del ministero con l’Unione Europea: " Partecipiamo a nuove pianificazioni comunitarie sulla cultura dietetica salutistica e sulla domotica per consentire agli anziani di muoversi in modo autosufficiente in casa". Ci sono anche internet e i social network nei progetti per gli anziani: "Vorremmo consentire agli anziani di poter continuare a lavorare al computer".

Fra le iniziative al Sanit previste per domani, si segnala l’attività di promozione dell’allattamento al seno. Domani mattina infatti 100 mamme dell’Associazione Salvamamme allatteranno i loro bambini in uno spazio dedicato, indossando un grande bavaglino con la scritta ‘Io allatto dove mi pare’. "Le mamme che parteciperanno al Sanit indosseranno dei bavaglini provocatori per promuovere un diritto indiscutibile di ogni madre: quello di poter allattare il proprio bambino ovunque ci si trovi. Ogni estate si ripropone il problema in ristoranti e alberghi. L’allattamento è un momento di speciale sintonia tra mamma e bambino, una scelta naturale che non deve essere fonte di discriminazione": queste le parole di Grazia Passeri, Presidente dell’Associazione.

Comments are closed.