SALUTE. Sostanze chimiche: verso un inventario europeo

Passi avanti verso la realizzazione di un inventario delle sostanze chimiche in Europa. Più di tre milioni di notifiche sulla classificazione delle sostanze chimiche sono infatti arrivate all’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA): si tratta di una classificazione fondamentale per stabilire se una sostanza sia pericolosa per la salute e per l’ambiente, e porterà a definire le informazioni da porre sulle etichette delle sostanze chimiche usate da lavoratori e consumatori.

In particolare, tutte le imprese che immettono sostanze chimiche nel mercato europeo erano state chiamate a classificarle in base al regolamento relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio (regolamento CEI n. 1272/2008). A decorrere da ieri, 3 gennaio 2011, i fabbricanti e gli importatori dovevano notificare la classificazione delle sostanze all’ECHA: alla scadenza le notifiche presentate sono state 3.114.835.

È quanto riferisce oggi la Commissione europea, sottolineando che il nuovo regolamento CEI allinea il sistema di classificazione europeo al Sistema mondiale armonizzato delle Nazioni Unite: in questo modo, gli stessi rischi saranno descritti ed etichettati allo stesso modo in tutto il mondo.

Le sostanze e le miscele chimiche vengono in questo modo classificate secondo diverse categorie di rischi ed etichettate con pittogrammi di pericolo, avvertenze, consigli di prudenza. Come informa la Commissione europea, "l’obiettivo è rendere disponibili a tutte le parti interessate le informazioni sui pericoli legati alle sostanze. Sulla base delle informazioni pervenute l’ECHA pubblicherà nei prossimi mesi un Inventario della classificazione e dell’etichettatura. Qualora siano state notificate diverse classificazioni per la stessa sostanza le imprese interessate dovranno concordare un testo da registrare. Ciò porterà infine a classificazioni armonizzate di tutte le sostanze pericolose immesse sul mercato UE".

Ha commentato Janez Potočnik, commissario responsabile per l’ambiente: "La pubblicazione e l’armonizzazione delle classificazioni migliorerà la sicurezza per tutti coloro che manipolano sostanze chimiche e consentirà agli utilizzatori a valle e ai consumatori di scegliere sostanze chimiche meno pericolose rispondenti alle loro esigenze".

Comments are closed.