SALUTE. Suini alla diossina, Martini: 90 partite di carne rintracciate, tutte sequestrate

"In poche ore abbiamo completato il rintraccio e il sequestro delle partite di carne presenti in Italia. Rispetto alla segnalazione della Commissione europea, di 89 partite, ne abbiamo reperite 90". È quanto ha detto oggi il sottosegretario alla Salute Francesca Martini in relazione al caso della carne irlandese alla diossina. La contaminazione, ha ribadito, è avvenuta attraverso mangimi contaminati da oli industriali. E riguardo alla preoccupazione sulla carne bovina, per il principio di precauzione "controlliamo tutte le partite che si presentano alla frontiera – ha detto Martini – e svolgiamo controlli a campione su quelle presenti". Il sottosegretario propone inoltre l’etichettatura per tutte le carni.

"Da sempre – ha detto – propongo l’etichettatura per tutte le carni". Da qui l’appello rivolto ai produttori di carni suine fresche italiane di attuare una "autoregolamentazione" e, ha aggiunto, "di apporre sulla loro etichettatura che sono carni prodotte in Italia". "Credo che i produttori di carni suine italiane – ha spiegato Martini – abbiano bisogno di tutelare la loro filiera produttiva. Chiedo ai produttori autonomamente di stampigliare la dicitura ‘prodotto in Italia’".

Comments are closed.