SALUTE. Torino, il 18 novembre il primo convegno di Slow Medicine

Si terrà a Torino il 18 e il 19 novembre il primo convegno nazionale di Slow Medicine, una rete di idee in movimento, nata da un’idea del dottor Andrea Gardini e dall’incontro di alcune persone che si riconoscono nella ricerca di una Medicina più sobria, più rispettosa, più giusta. Obiettivo del primo convegno nazionale è raccogliere, rilanciare, condividere idee, azioni, conoscenze e esperienze che vadano nella direzione della Slow Medicine, per attivare e mettere in moto una rete di progetti e persone che trasformino l’idea slow in una realtà in crescita. Il convegno si rivolge a professionisti sanitari (medici, infermieri, terapisti, ecc.), ricercatori, insegnanti e studenti, pazienti e familiari, associazioni e gruppi di volontari, e a tutte le persone interessate ai temi della cura.

Il convegno prevede due momenti; il primo, il pomeriggio del 18 novembre, sarà dedicato alla presentazione, discussione e condivisione di alcuni progetti che si possano definire slow e che abbiano la caratteristica di poter essere replicabili in altre realtà. Nei primi mesi di lavoro è stato prodotto un Manifesto che definisce le idee fondanti di Slow Medicine, ed è stato realizzato un primo incontro di studio, il 29 giugno scorso a Ferrara, nel corso del quale un gruppo di professionisti ha lavorato e discusso per individuare possibili azioni di Slow Medicine in 5 aree della cura: 1- la prevenzione e la promozione della salute; 2- le buone pratiche comunicative nella relazione di cura; 3- la salute nella riproduzione e nell’età infantile; 4- la cura nell’età anziana e nel fine vita; 5- la cura del malato acuto e del malato cronico La giornata del 19 novembre sarà invece dedicata alla riflessione sulle tre parole chiave della Slow Medicine, Sobria, Rispettosa, Giusta, viste attraverso le esperienze dei relatori e discusse con i partecipanti.

Comments are closed.