SANITA’. Arriva in Veneto la pet card

Arriva la pet card, anche gli animali domestici in fatto di sanità avranno la loro tessera. E’ stata presentata a Verona dall’ Assessore regionale alle Politiche Sanitarie, Francesca Martini la tessera per gli animali domenstici ed i pacchetti sanitari minimi garantiti. L’obiettivo è quello di lavorare per la creazione di una rete di canili sanitari e di canili rifugio, per l’informatizzazione dell’anagrafe canina, per la promozione di campagne di sterilizzazione, per la definizione di misure minime di assistenza e di profilassi. Lo riferisce la Regione in un comunicato.

L’assessorato alle Politiche sanitarie si è impegnato a mettere in rete comuni, aziende sanitarie, associazioni animaliste, organi di vigilanza per implementare l’identificazione degli animali. Nelle prossime settimane valuterà anche la possibilità di stanziare incentivi per chi adotta cani di età superiore ad un anno, a predisporre visite cliniche, profilassi vaccinale, test diagnostici e interventi di profilassi, a stipulare una convenzione per l’erogazione biennale di pacchetti di cure.

Infine, per ridurre il numero di cani non identificati la Regione del Veneto continuerà la distribuzione gratuita dei microcip e renderà più salate le misure sanzionatorie per la non iscrizione della banca dati dell’anagrafe canina. "In un futuro non lontano – ha detto l’assessore Martini – le strutture di ricovero e di detenzione dovranno avvalersi di medici veterinari esperti in benessere animale e in medicina comportamentale".

Comments are closed.