SANITA’. Chivasso, Cittadinanzattiva: Ospedale non riesce a far fronte a esigenze della popolazione

"Quanto accaduto è oggettivamente inaccettabile per i cittadini, e la direzione dell’Ospedale deve farsene carico". Così Elisabetta Sasso, Coordinatore regionale del Tribunale per i Diritti del Malato di Cittadinanzattiva Piemonte, commenta risultati dell’ispezione condotta dai Nas all’Ospedale di Chivasso durante la quale oltre ad una ventina di pazienti parcheggiati nei corridoi, è stato rinvenuto anche il cadavere di una donna morta abbandonato su di una barella sempre nel corridoio del più grande nosocomio della provincia di Torino.

"Quella dell’Ospedale di Chivasso è una struttura che fatica a far fronte alla popolazione che le compete in seguito all’accorpamento delle ASL" prosegue la Sasso. "Duecentoventi posti letto, di cui sei dedicati alla degenza temporanea collegata agli accessi al pronto soccorso, corrispondono a un posto per ogni mille abitanti, quando la norma è di tre o quattro. Questo in un contesto in cui la politica sanitaria a livello non solo regionale, ma anche nazionale, è quella di continuare a ridurre la disponibilità di posti letto. Dalle informazioni in nostro possesso la struttura chiede da anni misure per l’adeguamento dei posti: anche se conosciamo la situazione dei finanziamenti e le disposizioni nazionali, la Regione deve sentirsi chiamata in causa per contribuire a ripensare la politica sanitaria. Non solo per quanto riguarda i posti letto, ma anche i pronto soccorso (a partire dall’educazione dei cittadini ad un uso corretto delle strutture sanitarie, per una migliore gestione dei codici bianchi e verdi) e i servizi territoriali, nell’ottica di una razionalizzazione delle risorse del sistema. Noi – conclude la Sasso – siamo disponibili a sedere a un tavolo di confronto in cui condividere anche le buone pratiche che raccogliamo nella nostra attività quotidiana, volto a promuovere la soluzione delle criticità del sistema sanitario con la partecipazione dei cittadini".

Comments are closed.