SANITA’. Cittadinanzattiva: bene Commissione inchiesta su errori medici. Si introduca conciliazione

Bene la Commissione d’inchiesta sugli errori medici ma no alla loro depenalizzazione. E si introduca la conciliazione nella Sanità. Questa la posizione espressa da Cittadinanzattiva nei confronti della decisione della Camera dei Deputati: l’Aula ha infatti approvato ieri la proposta di legge che istituisce una Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi regionali. "Siamo soddisfatti del varo della Commissione di inchiesta sugli errori medici. Una iniziativa che ci vede d’accordo perché può lavorare nell’interesse dei cittadini e migliorare la qualità del servizio sanitario": è quanto afferma Teresa Petrangolini, segretario generale di Cittadinanzattiva

"Ci chiediamo però come questo possa essere conciliato con un progetto di legge sulla depenalizzazione dei reati medici – continua Petrangolini – Se gli errori esistono, vanno studiati e prevenuti ma non si può eliminare la responsabilità di chi causa un danno ai cittadini. Modificare i profili di responsabilità civile e penale del solo personale medico attuerebbe una discriminazione nei confronti di tutti gli altri professionisti e degli altri delitti contro la persona, andando quindi a ledere il principio d’uguaglianza garantito dalla Costituzione. E tra l’altro, non costituisce la risposta più adeguata alle attuali criticità del sistema giustizia: in primo luogo occorre introdurre lo strumento della conciliazione in sanità, come abbiamo suggerito nel corso di una audizione al Senato".

Comments are closed.