SANITA’. Consiglio Regionale FVG approva legge su salute umana e veterinaria

Un buono fino a 135 euro destinato ai celiaci, per permettere loro di acquistare prodotti privi di glutine in qualsiasi esercizio commerciale, e non solo nelle farmacie: il nuovo sistema, che prenderà il via in forma sperimentale biennale, fa parte di un disegno di legge "omnibus" approvato ieri dal Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia con il quale la regione a statuto speciale ha recepito alcune norme nazionali e integrato alcuni vecchi provvedimenti in materia di salute umana e sanità veterninaria.

L’ obiettivo della norma sui prodotti per celiaci è quello di sburocratizzare il sistema di erogazione sino ad ora adottato. Gli importi mensili del "buono spesa" per i prodotti privi di glutine varierà a seconda dell’ età: fino a un anno (54 euro), da 1 a 3 anni (72 euro), da 3 a 6 anni (99 euro) fino a 10 anni (105 euro), oltre i 10 anni e adulti (135 euro), "un importo che è probabilmente il più alto di tutta Italia", ha sottolineato l’ assessore regionale alla Salute, Ezio Beltrame. Fra i 38 articoli che compongono il disegno di legge accolto oggi dal Consiglio regionale sono state inserite anche alcune nuove disposizioni per le case di riposo per anziani non autosufficienti. Nella retta giornaliera non potranno più essere considerate spese accessorie il riscaldamento, la lavanderia o la fornitura di pannoloni.

La legge prevede inoltre che ai circa 1.500 anziani non autosufficienti presenti nelle residenze protette che godono, per il loro stato di indige nza, della copertura totale della retta da parte dei Comuni, venga garantita mensilmente un quota minima per l’ autosufficienza economica, che dovrà servire esclusivamente per l’ acquisto di beni personali non contemplati nelle rette. L’ importo, che sarà disciplinato da un regolamento della Giunta, si aggirerà intorno agli 80 euro.

Comments are closed.