SANITA’. Cure palliative, si vota alla Camera. Cittadinanzattiva: bene evitare ostruzionismo

E’ in corso a Montecitorio l’esame della proposta di legge, già approvata, in un testo unificato, dalla Camera e modificata dal Senato, (C624 e abb.) concernente Disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

”Siamo soddisfatti per la decisione di evitare l’ostruzionismo su una legge di cosi’ importante valore per i cittadini, come quella per le cure palliative e la terapia del dolore, di cui auspichiamo una rapida approvazione”: lo dice Francesca Moccia, coordinatrice nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva.

”Dalla registrazione del dolore in cartella clinica, alla formazione del personale, dalla istituzione di due Reti nazionali per le cure palliative e per la terapia del dolore, alla realizzazione di campagne di informazione e in collaborazione con le associazioni e le organizzazioni civiche – prosegue -, questa legge di fatto sancisce il diritto a non soffrire dei cittadini, principio per il quale ci siamo battuti in tutti questi anni anche attraverso la Carta europea dei diritti del malato. Per questo, ci fa particolare piacere che la nuova legge veda la luce proprio nel trentennale del Tribunale per i diritti del malato. Ci impegneremo a valutarne l’effettivo rispetto e ad informare i cittadini su questo nuovo importante diritto”.

Comments are closed.