SANITA’. Errori clinici, regione Lazio apre tre sportelli di conciliazione

Presto i pazienti laziali vittime di incidenti clinici avranno uno strumento in più per ottenere giustizia. La regione ha infatti avviato, in via sperimentale, l’apertura di tre sportelli di conciliazione: uno presso il policlinico Gemelli, uno al San Camillo e uno presso la struttura ospedaliera De Lellis di Rieti. La misura rientra nel sistema "Rating Asl", ideato per raccogliere e archiviare gli errori e le negligenze negli ospedali del Lazio. I tre sportelli, ed il connesso sistema operativo, serviranno a tenere sotto controllo in tempo reale i casi di "malpractice medica" all’interno dei reparti delle diverse strutture sanitarie.

Il software di raccolta dati, affidato alla Lait, sarà particolarmente utile anche nel campo delle assicurazioni, che disporanno di dati aggiornati e di percentuali di rischio, fondamentali per fissare le condizioni delle polizze. Evidenti i vantaggi per la gestione economica del servizio sanitario. I reparti meno a rischio dovranno "pagare meno" o potranno istituire dei fondi in proprio, mentre per i reparti a rischio sarà possibile valutare i numeri su cui si basano i costi assicurativi.

Il 7, 8 e 9 novembre loa Regione Lazio presenterà al Compa di Bologna (salone europeo della comunicazione pubblica dei servizi al cittadino e delle imprese) il sistema "Rating Asl". Presso gli stand della regione saranno inoltre illustrati il Recup, sistema elettronico di prenotazione per le visite, pronto per sbarcare on line, il progetto Farmavia, che consentirà agli utenti di individuare via Internet la farmacia più vicina e fornirà l’itinerario più semplice per raggiungerla, e la cartella clinica elettronica, disponibile on line per tutti i medici che avranno in cura lo stesso paziente.

 

Comments are closed.