SANITA’. Esenzioni ticket, il 18 gennaio partirà tavolo di lavoro Ministero Salute – Regioni

Esenzioni dai ticket, il 18 gennaio partirà un tavolo di lavoro Ministero della Salute-Regioni, coinvolgendo le parti sociali, per rivedere il sistema. Il Ministro della salute Livia Turco conferma la sua intenzione, espressa durante l’approvazione della legge finanziaria, di intervenire in questo senso di intesa con le Regioni. Durante la visita di Stato a Pechino per sancire una serie di accordi con il Governo cinese di cooperazione sulla ricerca e le cure, Turco ha detto che il sistema in vigore è iniquo. "Trovo grave – ha detto il Ministro – che una famiglia monoreddito con figli a carico non abbia le esenzioni". ‘No’ ai ticket nel Sistema sanitario nazionale. E’ anche la posizione espressa da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato. "Interverremo – afferma l’associazione – a sostegno dei cittadini contro questi ennesimi balzelli".

"Dopo tutto quello che è accaduto in questi giorni, che ha portato, tra l’altro, ad un diffuso senso di sfiducia dei cittadini nei confronti del servizio sanitario nazionale, sarebbe opportuno che il Ministro della Salute, e con lei l’intero esecutivo, facessero un passo indietro su questa forma di tassazione iniqua nei confronti dei cittadini. – afferma un ordine del giorno della Direzione, reso noto dalla stessa associazione – Mentre, da una parte, si chiede ai cittadini di pagare un ticket sui codici bianchi, non si agisce per creare sul territorio dei servizi efficienti, per imporre ai medici di famiglia la effettiva disponibilità, per mettere in piedi un servizio di guardia medica degno di questo nome, si accusano semplicemente i cittadini che ricorrono al DEA, senza però affrontare i nodi che li spingono a tali comportamenti. Anzi oggi apprendiamo che il Ministro vuole rivedere i criteri di esenzione dai ticket: temiamo che ad essere colpiti siano, anche in questo caso, le fasce fragili della popolazione, soprattutto i malati cronici".

Al contrario, "nonostante il susseguirsi di inchieste che hanno sottolineato con estrema forza il depauperamento progressivo del nostro Servizio sanitario – prosegue Cittadinanzattiva – nessun segnale proviene dal mondo della sanità: nessun Direttore Generale dimessosi o licenziato, nessun ridimensionamento dello stipendio di chi, pur in posizione di dirigenza, non ha lavorato per migliorare la situazione, sprechi nella gestione e negli appalti a cui ancora non si è messo mano". Per questo, conclude Cittadinanzattiva, "interverremmo, in un eventuale giudizio amministrativo, a sostegno di tutti i cittadini che vorranno impugnare l’applicazione della legge Finanziaria. E ora di dire con chiarezza che i cittadini non possono solo essere un limone da spremere".

 

Comments are closed.