SANITA’. Incontro Ministero-Regioni: al centro aggiornamento Lea e ammodernamento sistema

Il Ministro della Salute Livia Turco ha incontrato oggi gli Assessori regionali alla Sanità. All’ordine del giorno, l’esame delle linee generali del provvedimento allo studio del Ministero per l’ammodernamento del Ssn; lo stato dell’arte per l’attivazione degli accordi di programma per i piani di investimento destinati al miglioramento della rete sanitaria regionale; l’esame del lavoro svolto dalla Commissione nazionale Lea per la revisione dei livelli essenziali di assistenza (Lea) prevista dal Patto per la Salute.

Per quanto concerne il provvedimento per l’ammodernamento del Ssn, le Regioni hanno convenuto sulla necessità di mettere a punto un progetto condiviso da portare in Conferenza Stato Regioni in tempi brevi. Il fine è quello di presentare in Parlamento un testo che possa già rappresentare un momento di condivisione istituzionale tra Governo e Regioni sui principi ispiratori del provvedimento, finalizzato al miglioramento dei livelli di sicurezza e qualità delle cure anche attraverso l’adozione di un nuovo sistema di governance all’interno delle aziende sanitarie che preveda anche strumenti di maggiore valorizzazione del merito e delle competenze degli operatori .

In riferimento ai piani per gli investimenti strutturali in sanità è stato deciso di avviare una rapida verifica sulle effettive disponibilità finanziarie complessive per le Regioni onde poter affrontare la predisposizione dei piani di ristrutturazione e ammodernamento delle reti sanitarie regionali, usufruendo anche delle somme residue già stanziate ma non ancora utilizzate e stabilendo insieme le modalità di riparto dei 3 miliardi aggiuntivi previsti dalla legge finanziaria 2007. Sul tema della revisione dei Lea si è convenuto di portare all’esame della Conferenza Stato Regioni specifiche proposte riferite alle seguenti aree assistenziali:

  • prevenzione collettiva (tutela della salute negli ambienti di vita e di lavoro, sanità veterinaria, igiene degli alimenti, ecc.): per arrivare a un maggior dettaglio dell’offerta prestazionale, fermi restando gli attuali livelli erogati;
  • prevenzione rivolta alla persona: prevedendo l’inserimento degli screening audiologico e della vista in ambito neonatale e la vaccinazione contro il virus HPV per la coorte di giovani all’età di dodici anni;
  • specialistica ambulatoriale: attraverso l’aggiornamento del nomenclatore della specialistica ambulatoriale, l’omogeneizzazione dei livelli di assistenza odontoiatrica e l’ampliamento dell’offerta di servizi ambulatoriali con l’inserimento di prestazioni erogate attualmente in day hospital;
  • assistenza protesica: revisione degli elenchi e dei dispositivi e approvazione di un nuovo nomenclatore;
  • assistenza integrativa: con l’inserimento di nuove prestazioni attualmente contenute nel nomenclatore delle protesi;
  • assistenza ospedaliera: prevedendo l’inserimento del controllo del dolore in corso di travaglio e parto vaginale; ampliando la lista dei Drg ad alto rischio di inappropriatezza e revisionando i criteri di appropriatezza delle prestazioni fornite in day hospital medico;
  • assistenza a categorie particolari: attraverso l’aggiornamento delle esenzioni dal ticket per patologie croniche e invalidanti.

Si è infine convenuto di avviare il confronto con il Ministero della Solidarietà Sociale per l’attivazione del Fondo nazionale per la non autosufficienza previsto dalla legge finanziaria 2007 e l’integrazione tra i servizi sociali e sanitari per l’assistenza alle persone non autosufficienti e la promozione dei servizi domiciliari.

Comments are closed.