SANITA’. Lazio: il numero verde anti-influenza ha assistito diecimila persone

Diecimila persone assistite telefonicamente e solo cento ricoverate al pronto soccorso. Il numero verde anti-influenza (803555) avviato in via sperimentale dalla Regione Lazio lo scorso 22 dicembre e realizzato in collaborazione con la Protezione civile regionale e l’Ares 118 traccia un bilancio: sono oltre diecimila le persone che finora hanno contattato il numero. E la percentuale di accessi impropri al pronto soccorso si è ridotta.

"Sono 10mila le persone che sono state assistite attraverso il numero verde e solo 100 di loro che hanno telefonato – ha detto il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo sottolineando l’operazione di filtraggio svolta dal numero verde – sono state ricoverate al pronto soccorso".

"Sono molto soddisfatto – ha aggiunto il governatore – perché ciò ha significato aumentare il sistema domiciliare e ridurre i ricoveri inappropriati. Cento ricoveri rappresentano l’1% dei cittadini che si sono rivolti al numero unico". Per ora la sperimentazione finirà a fine febbraio ma c’è l’intenzione di mettere a regime il numero unico. "Nel 2009 – ha detto Marrazzo – ci sarà una forte incentivazione dei presidi territoriali e i cittadini si abitueranno a non andare in ospedale solo per vedersi diagnosticare un’influenza. Ho sentito dire che la Regione Lazio ‘cura l’influenza per telefono’, è una banalità perché questa è la direzione in cui si lavora per una sanità moderna".

Comments are closed.