SANITA’. Mancati pagamenti, aziende servizi protestano. Cittadinanzattiva solidarizza

Molte aziende di servizi che operano in ambito ospedaliero hanno aderito alla giornata di protesta "Rimetti a noi i nostri crediti" che ha mediamente interessato un ospedale su due e in alcuni casi registrando anche l’80% di adesioni. La giornata progettata in accordo con altre sigle di rappresentanza d’impresa che fanno capo a Agci, Confapi, Confcommercio, Confcooperative, Legacoop e Confindustria è stata organizzata per protestare contro i ritardati pagamenti da parte della pubblica amministrazione verso le aziende che forniscono servizi alla sanità.

Cittadinanzattiva con un comunicato fa sapere di solidarizzare con la protesta di queste aziende di servizi: "Condividiamo con voi la consapevolezza delle gravi conseguenze che il
sistematico ritardo dei pagamenti da parte della pubblica amministrazione finisce con il provocare".

"Nel momento in cui esprimiamo vicinanza e solidarietà alla vostra protesta – si legge nella lettera che l’associazione ha inviato agli organizzatori della protesta – richiamiamo l’attenzione degli operatori su un altro aspetto che incide sulla qualità dei servizi gestiti in appalto e concessione, vale a dire la perdurante chiusura di molte amministrazioni pubbliche ma anche di molte imprese ad una effettiva apertura di spazi di partecipazione civica nelle fasi di promozione e verifica della qualità di questo tipi di servizi".

Comments are closed.