SANITA’. Marrazzo propone maggiore coordinamento in Ue su sicurezza pazienti

Un paziente su dieci ricoverati negli ospedali europei per sottoporsi a una cura subisce un danno: la valutazione è della Commissione europea che sul tema della sicurezza dei pazienti ha presentato una raccomandazione agli Stati membri raccolta anche dalla regioni Ue. L’argomento è esaminato in un parere, proposto dal presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo, che sarà approvato nella prossima seduta plenaria del Comitato delle regioni europee e che oggi ha ottenuto il via libera della competente commissione. Illustrando la sua proposta, Marrazzo ha puntato l’attenzione soprattutto sulla necessità di un maggiore coordinamento in Ue per rafforzare gli interventi già adottati nei singoli Stati sul fronte della sicurezza dei pazienti. Le implicazioni negative connesse all’errore nella sanità – ha spiegato il presidente della Regione Lazio – hanno un riflesso diretto sulla percezione che il cittadino ha della qualità e della sicurezza dei servizi erogati che costituisce spesso il principale fattore di valutazione dell’efficacia dei governi locali e regionali. Marrazzo ha inoltre messo in evidenza l’aumento della conflittualità di tipo legale nel settore sanitario che per le amministrazioni pubbliche erogatrici dei servizi si traduce in un consistente aumento dei costi, oltre che in un problema etico, sociale e sanitario. Tra le iniziative proposte, Marrazzo ha sottolinea anche l’importanza di inserire l’aspetto relativo alla sicurezza dei pazienti nei sistemi di autorizzazione, accreditamento e certificazione delle strutture sanitarie.

Comments are closed.