SANITA’. Piemonte, al via trattamento domiciliare palliativo in età pediatrica

Parte in Piemonte il progetto per l’assistenza domiciliare in età pediatrica in fase avanzata di malattia. L’iniziativa, in fase sperimentale per un anno, è stata siglata ieri con un protocollo d’intesa fra azienda ospedaliera OIRM-S.Anna, aziende sanitarie locali 1, 2, 3, 4 e 5 e associazione onlus "Luce per la vita" di Rivalta (To). Il piano sanitario, posto in essere secondo le linee guida della Rete regionale di cure palliative, nella prima fase sarà destinato ai bambini affetti da patologie neoplastiche e, in seconda istanza, ai piccoli con malattie non oncologiche, in fase terminale (patologie cardiologiche, pneumologiche, nefrologiche, epatiche e neurologiche), o che necessitano di un supporto specifico.

"La collaborazione – dichiara Vittorio Demicheli, direttore dell’Assessorato alla tutela della salute e sanità – tra l’associazione "Luce per la vita", il Regina Margherita e le aziende sanitarie che daranno vita alla sperimentazione è il segnale dell’importanza che le istituzioni hanno attribuito e continuano ad attribuire alle cure palliative all’interno della rete assistenziale". Il personale coinvolto organizzerà corsi di aggiornamento e formazione relativi alle cure palliative e destinati agli operatori delle aziende sanitarie, ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta, in accordo con le disposizioni regionali in materia.

Sarà la scelta del pediatra, del medico di medicina generale, o del medico del distretto di competenza, ad attivare le cure palliative domiciliari, per un paziente che si trova a domicilio, o per dimissione protetta da un reparto ospedaliero dell’Aso. L’assistenza medica e infermieristica sarà curata da personale esperto in cure palliative (medici, infermieri, psicologi e volontari) dell’associazione e dell’ospedale Regina Margherita, sette giorni su sette, per 12 ore giornaliere, dalle 8 alle 20, con servizio di pronta disponibilità. Nell’orario notturno, dalle 20 alle 8, sarà possibile chiedere l’intervento della guarda medica pediatrica le cui prestazioni, erogate a pagamento, verranno rimborsate dall’associazione.

Comments are closed.