SANITA’. RSA, Tar Toscana condanna Asl e Comune a pagare retta in struttura scelta dal paziente

Continua il trend positivo delle sentenze a favore dei pazienti ricoverati nelle Residenze Sanitarie Assistenziali. Dopo la sentenza del Consiglio di Stato arriva quella del Tar della Toscana che ha condannato la Asl e il Comune di Pistoia a pagare la retta del ricovero nella struttura scelta dal paziente. L’Aduc racconta come sono andati i fatti che hanno coinvolto una signora residente in provincia di Pistoia, affetta dal morbo di Alzheimer in stadio avanzato e riconosciuta invalida civile al 100% dal novembre 2007.

La famiglia, obbligata ad un ricovero in struttura privata convenzionata (senza copertura di Asl o Comune, rispettivamente per quota sanitaria e quota sociale), si è vista negare il riconoscimento degli emolumenti dovuti per legge alle istituzioni, perché, la Rsa non era gestita direttamente dall’Asl competente per territorio di residenza, (seppur in Toscana e convenzionata con altra Asl della Regione). Il rimborso ci sarebbe stato se la paziente si fosse trasferita in zona Asl di Pistoia.

A nulla sono valse le ragioni di famiglia e Difensore Civico: il grave stato di salute della ricoverata non consentiva un trasferimento in sicurezza. E’ stato allora necessario un ricorso al Tar Toscana affinché l’autorità giudiziaria ristabilisse l’ordine e rimborsasse quanto anticipato dalla paziente e dai suoi familiari.

Comments are closed.