SANITA’. Umbria, regione approva Piano Sanitario: accolte proposte associazioni

La regione Umbria ha approvato il Piano Sanitario nel quale hanno trovato spazio parte delle proposte avanzate dalle associazioni degli utenti. Il Movimento Difesa del Cittadino di Perugia, una delle associazioni che ha partecipato attivamente, plaude all’approvazione sottolineando che "sebbene non siano state accolte tutte le proposte, il risultato raggiunto è da considerarsi comunque buono".

Tra gli strumenti operativi più importanti per garantire una sanità strutturalmente partecipata dai cittadini sono:
– i Comitati Consultivi a livello regionale, di ASL e di Ambito per l’interazione, l’indirizzo, la qualità condivisa e la valutazione;
– le Carte dei Servizi;
– la sperimentazione di forme di gestione associata degli URP con le associazioni degli utenti;
– l’attivazione degli audit civici annuali in tutte le aziende;
– la messa a regime del primo bilancio sociale triennale;
– la validazione da parte delle collettività: di tutti i budget aziendali e dei programmi di attività dei dipartimenti, distretti, centri di salute e presidi ospedalieri;

"Tuttavia – continua la nota dell’Associazione – non si nasconde il forte rammarico per l’espunzione da parte della Giunta regionale di taluni aspetti e strumenti oggetto della proposta associativa e considerati dalle Associazioni di estrema importanza, quali gli sportelli degli utenti all’interno di tutte le Asl; strumento operativo essenziale, previsto dalla legge, e al quale le Associazioni comunque non sono disposte a rinunciare".

 

 

 

Comments are closed.