SANITA’. eHealth, Commissione Europea apre consultazione pubblica per il piano 2012-2020

L’Europa chiede ai cittadini cosa ne pensano dell’eHealth, la cosiddetta sanità online. Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) già oggi svolgono un ruolo fondamentale all’interno dei sistemi sanitari nell’UE, che devono fare fronte sempre di più all’invecchiamento demografico, all’aumento di patologie croniche, ai tagli di bilancio e alla carenza di personale. Grazie alle TIC è possibile, ad esempio, effettuare analisi, monitorare i pazienti a distanza e garantire uno scambio sicuro di dati clinici per via telematica.

Ma l’eHealth ha ancora un potenziale di sviluppo notevole e può dare un contributo importante per garantire ai cittadini, soprattutto a quelli meno giovani, un’esistenza più dignitosa e autonoma. Sono sempre più numerosi i pazienti che ricorrono alla tecnologia per informarsi sulla propria patologia e addirittura per seguire l’evoluzione delle proprie condizioni. La promozione di eHealth è un obiettivo prioritario dell’Agenda digitale europea e, oggi, la Commissione Europea ha lanciato una consultazione pubblica online, aperta fino al 25 maggio, per chiedere ai cittadini e alle altre parti interessate come si possa migliorare la qualità e l’efficienza dell’assistenza sanitaria grazie alle TIC. Le risposte aiuteranno a preparare il piano d’azione eHealth 2012-2020 che la Commissione presenterà entro la fine del 2011. In particolare, il questionario cerca risposte su come realizzare i seguenti obiettivi: sensibilizzare i cittadini sui benefici e le opportunità di eHealth, affrontare i problemi di interoperabilità delle tecnologie eHealth, ottimizzare la certezza del diritto per eHealth e sostenere l’innovazione e la ricerca in eHealth.

Comments are closed.