SCUOLA. Adiconsum sostiene il progetto “Book in progress” contro il caro libri di testo

Dal prossimo Anno scolastico 2010-2011 il progetto "Book in progress" sarà una realtà per molte scuole italiane. E’ un’idea contro il caro libri di testo che prevede che alcuni libri di testo vengano realizzati dagli insegnanti della scuola stessa e consegnati ai ragazzi alla cifra di 25 euro a famiglia. Il progetto, fortemente voluto dal Preside e dal Collegio dei docenti dell’ITIS "E. Majorana" di Brindisi non voleva rimanere relegato all’istituto e, in questi mesi, ha trovato conferme da parte di altre scuole, di istituzioni, di associazioni.

Tra queste ultime c’è Adiconsum che da sempre denuncia il caro-libri di testo e ha deciso di sostenere il primo incontro della rete nazionale "Book in progress" che si terrà giovedì 18 e venerdì 19 febbraio, presso la Tenuta Moreno in provincia di Brindisi. Ben 100 saranno i docenti e i dirigenti scolastici, provenienti dalla Lombardia, dal Friuli, dal Veneto, dalle Marche, dalla Toscana, dalla Campania, dalla Calabria, dalla Puglia, che saranno formati al "Book in progress". L’impatto positivo dell’iniziativa interesserà il prossimo Anno Scolastico circa 3000 famiglie, che grazie al "Book in progress" risparmieranno sulla spesa dei libri di testo dei propri figli. Adiconsum auspica che il progetto "Book in progress" sia seguito da sempre più istituti, perché non venga meno e sia sempre salvaguardato il diritto costituzionale del diritto allo studio.

Comments are closed.