SCUOLA. Cittadinanzattiva: il 4 aprile la prima edizione del premio Impararesicuri

Impararesicuri: perchè oltre al bullismo è necessario informare e agire sullo stato della sicurezza scolastica in Italia. Così, nell’ambito della campagna Impararesicuri lanciata già nel 2002 da Cittadinanzattiva per contribuire alla messa in sicurezza degli edifici scolastici, si svolgerà il prossimo 4 aprile a Roma il primo Seminario Nazionale Impararesicuri. Il seminario intende informare sullo stato della sicurezza scolastica in Italia a partire dai dati raccolti dagli stessi cittadini, raccontare le iniziative di impegno civico e favorire il dialogo fra cittadini e istituzioni. La giornata rappresenterà inoltre l’occasione per formulare proposte di intervento e premiare le "buone pratiche", già realizzate o in corso di svolgimento, da parte delle scuole di ogni ordine e grado. E infatti nel corso del seminario – che si svolgerà a Palazzo Marini, Camera dei Deputati – saranno premiati i rappresentanti delle cinque scuole che si sono aggiudicate il premio Impararesicuri.

La campagna Impararesicuri lanciata da Cittadinanzattiva – che ha portato allo svolgimento, il 24 novembre scorso, della IV Giornata nazionale di mobilitazione per la sicurezza nelle scuole – si è conquistata l’interesse delle scuole italiane, con oltre 10 mila istituti scolastici partecipanti nel 2005 e altrettanti nel 2006 e moltissimi disegni, foto, progetti, elaborati e prodotti multimediali inviati all’associazione. Il programma dei lavori per il prossimo 4 aprile prevede dunque i saluti di Pietro Folena, Presidente della Commissione cultura della Camera, e gli interventi del segretario generale di Cittadinanzattiva Teresa Petrangolini, nonchè l’intervento di un rappresentante del Comitato genitori di San Giuliano di Puglia. Sono inoltre attesi rappresentanti del Ministero dell’Istruzione e il Capo Dipartimento della Protezione Civile Guido Bertolaso.

Fra gli obiettivi della campagna Impararesicuri del 2006 si segnalano quella di inserire la messa in sicurezza degli edifici scolastici, considerata fra le "emergenze nazionali", fra le priorità del Governo e del Parlamento; di continuare a lavorare per la messa in rete delle scuole con il territorio per la gestione comune dei rischi e di contribuire alla messa in sicurezza delle scuole italiane diffondendo allo stesso tempo una vera "cultura della sicurezza".

Comments are closed.