SCUOLA. MDC Junior aderisce alla Giornata nazionale di sicurezza nelle scuole

"Aderiamo alla VI Giornata sulla sicurezza a scuola, indetta da Cittadinanzattiva, bisogna assolutamente prevenire gli incidenti dovuti all’incuria ed al degrado", dichiara Lucia Moreschi, responsabile nazionale dell’associazione MDC Junior, impegnata nella tutela dei giovani cittadini. E ricordando Vito, la sua famiglia ed i ragazzi feriti nella scuola Darwin di Rivoli: "I nostri ragazzi non possono morire andando a scuola, un appello alle istituzioni perché non accadano più simili tragedie, vengano individuate le situazioni a rischio", continua MDC Junior, chiedendo tra gli impegni prioritari alle istituzioni, il necessario completamento dell’anagrafe edilizia scolastica.

Secondo i dati forniti da Cittadinanzattiva le scuole italiane che possiedono il certificato di agibilità statica sono solo il 34%, quello di agibilità igienico-sanitaria il 39%, quello di prevenzione incendi solo il 37%.

In riferimento all’incidente accaduto al liceo Darwin di Rivoli, in cui ha perso la vita il diciassettene Vito Scafidi, in seguito al crollo di una controsoffittatura, il Movimento Difesa del Cittadino denuncia: "Non si può morire così, tra i banchi di scuola! – dice l’avvocato Simona Lonterni, responsabile della sede torinese – Siamo totalmente solidali con la famiglia ed esprimiamo il nostro cordoglio".

Per MDC è doveroso che vengano accertate al più presto colpe e responsabilità del crollo. "Non si può attribuire il fatto al caso o alla malasorte – spiega la Lonterni – esistono delle norme di sicurezza da rispettare. E chi ha compiti di vigilanza, come il dirigente scolastico e il Provveditorato, deve provvedere alla revisione periodica di tutte le strutture, senza se e senza ma".

Il solito balletto di fondi stanziati all’indomani della sciagura non convince la responsabile torinese, che anzi ritiene gravissima la notizia dell’esistenza di tante scuole pericolanti: "Strutture fatiscenti non dovrebbero neppure essere utilizzate. E invece si scopre che i nostri ragazzi ci fanno lezione dentro – dice – se vi è pericolo per l’incolumità pubblica, soprattutto di minorenni, vanno prese decisioni risolutive. Il Movimento Difesa del Cittadino auspica che, in seguito a quanto accaduto, i Provveditorati verifichino immediatamente quali istituti sono agibili e quali no e prendano gli opportuni provvedimenti a tutela dei minori".

 

Comments are closed.