SCUOLA. Rette nidi pubblici, Uil: 8,5% del budget familiare

La frequenza nell’anno scolastico 2008/2009 degli asili nido pubblici e per la refezione scolastica nelle scuole materne ed elementari, pesa sulle tasche delle mamme e dei papà italiani, mediamente 332,02 euro mensili e 3.320,20 euro annui (tenendo presente una media di presenza di 20 giorni al mese per 10 mesi l’anno). Il che significa che mediamente il 10,7% del budget familiare netto, serve per la frequenza della scuola per l’infanzia a tempo pieno. Nel dettaglio, per la frequenza dei nidi comunali, si spendono in media, mensilmente, 262,66 euro, (2.626,60 euro annui) che equivalgono all’8,5% del budget familiare, con un incremento medio dell’1,5% rispetto all’anno scolastico precedente. Per la refezione scolastica, invece, la spesa media mensile è di 70 euro (700 euro annui) equivalenti al 2,3% del reddito familiare. Questi i dati della V° Indagine sui costi della scuola dell’infanzia nelle 104 Città Capoluogo curata dalla Uil.

La famiglia oggetto della ricerca, ha un reddito lordo di 36.000 € annui (21.000 euro un coniuge e 15.000 euro l’altro), che corrispondono una volta detratte le imposte, a 30.900 € netti l’anno. La dichiarazione ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) di questa famiglia, con una casa di proprietà, corrisponde a 17.812 € annui.

In cima alla top ten si colloca Belluno con 565,40 € mensili (486,40 € per gli asili nido e 79 € per la refezione scolastica) che corrispondono al 18,3% del budget familiare; segue Cuneo con 525,30 € mensili (445,30 € per gli asili nido e 80 € per la refezione scolastica) che corrispondono al 17% del budget familiare; Mantova con 510,28 € mensili (416,08 € per gli asili nido e 94,20 € per la refezione scolastica) che corrispondono al 16,5% del budget familiare; Bergamo con 505,96 € mensili (400,36 € per gli asili nido e 105,60 € per la refezione scolastica) che corrispondono al 16,4% del budget familiare; Pavia con 496,00 € mensili (396,00 € per gli asili nido e 100,00 € per la refezione scolastica) che corrispondono al 16,1% del budget familiare. Seguono Pavia, Bolzano, Lecco, Sondrio, Torino e Udine.

Le dieci città meno care sono invece: Vibo Valentia, dove frequentare una scuola dell’infanzia costa 123,00 € mensili (93,00 € per gli asili nido e 30,00 € per la refezione scolastica) che corrispondono al 4% del budget familiare; segue Ragusa con 140,10 € mensili (112,10 € per gli asili nido e 28 € per la refezione scolastica) che corrispondono al 4,5% del budget familiare; Reggio Calabria con 147,94 € mensili (107,94 € per gli asili nido e 40 € per la refezione scolastica) che corrispondono al 4% del budget familiare; Catanzaro con 148,46 € mensili (108,46 € per gli asili nido e 40 € per la refezione scolastica) che corrispondono al 4,8% del budget familiare; Trapani con 149,85 € mensili (111,45 € per gli asili nido e 38,40 € per la refezione scolastica) che corrispondono al 4,8% del budget familiare. Seguono Napoli, Agrigento, Enna, Cosenza e Roma.

Comments are closed.