SCUOLA. Ritorno in aula per 8mln di studenti. Fioroni visita due scuole capitoline

Sono otto milioni gli studenti italiani che da oggi, gradualmente, cominceranno a rientrare in classe. Sospese dal ministro della pubblica istruzione Giuseppe Fioroni le novità della riforma Moratti (niente tutor, né portfolio, né anticipi), il ritorno a scuola dovrebbe avvenire senza grandi sconvolgimenti sia per gli alunni, sia per gli insegnanti, sia per le famiglie. La campanella è suonata questa mattina per gli alunni di Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Molise, Piemonte, Veneto e provincia autonoma di Bolzano. Poi a seguire, il 12 torneranno a scuola quelli abruzzesi, mentre il 13 sarà la volta degli studenti di Trento. Il 14 riapriranno le scuole in Basilicata, Lazio, Liguria, Marche, Sardegna, Toscana, Umbria e Valle d’Aosta; il 18 toccherà ai ragazzi di Calabria, Campania, Puglia. Gli ultimi a riprendere in mano i libri – il 19 settembre – saranno i giovanissimi dell’Emilia Romagna. L’inaugurazione dell’anno scolastico, alla consueta presenza del Capo dello stato, quest’anno avverrà il 18 settembre al Cortile d’onore del Quirinale. Intanto da oggi fino al 15 settembre, il ministro Fioroni andrà a sorpresa in alcune scuole d’Italia a portare personalmente gli auguri di buon anno scolastico agli alunni.

Questa mattina il ministro si è recato in due scuole della Capitale. Durante la visita Fioroni si è soffermato su diversi temi: dal terrorismo all’integrazione culturale. "La scuola è un elemento fondamentale per sconfiggere il terrorismo, abbattendo paure e pregiudizi", ha concluso il ministro.

Per approfondire:

SCUOLA. A settembre si torna sui banchi. Tutte le novità per gli studenti

Comments are closed.