SCUOLA. Senato: sì definitivo al decreto Gelmini

Con 162 voti favorevoli, 134 contrari e 3 astensioni il Senato ha dato il via libera definitivo alla conversione in legge del decreto n. 137, in materia di istruzione ed università (ddl 1108). La seduta di stamattina proseguirà con il decreto-legge n. 151, in materia di contrasto alla criminalità organizzata e all’immigrazione clandestina (ddl 1072).

Si deve avere il coraggio di cambiare: è quanto dichiara l’Unione Nazionale Consumatori intervenendo sull’approvazione del decreto legge. "Il diritto al dissenso e alle contestazioni pacifiche è incontestabile. Ma resta il fatto che in questi giorni sulla scuola e sul decreto convertito oggi in legge al Senato sono circolate molte inesattezze ed imprecisioni. Basta leggere il dossier elaborato dalla rivista "Tuttoscuola" per farsene un’idea – ha detto Massimiliano Dona, Segretario generale dell’UNC – Si deve avere il coraggio di cambiare ciò che non funziona aumentando le risorse per i soggetti più meritevoli ed introducendo regole chiare e certe per tutti".

Diversa la valutazione di Cittadinanzattiva che aderisce allo sciopero generale indetto per domani."Una riforma contraddittoria ed autoritaria": così definisce Cittadinanzattiva il decreto Gelmini approvato al Senato. "Per questo aderiamo allo sciopero generale di domani, una scelta per noi inconsueta – spiega Teresa Petrangolini, segretario generale di Cittadinanzattiva – La riforma non ci piace nè nel merito nè nel metodo: manca una oggettività dei dati e si va contro leggi già esistenti, come le normative sulla sicurezza e quelle a tutela dei disabili. Ed il metodo è fuori dalla democrazia: non è pensabile cambiare la scuola in 15 giorni, prendendo in giro la sensibilità e l’intelligenza di chi sta protestando. La scuola è un pezzo fondamentale del Welfare: una sua riforma non può avvenire senza un processo condiviso e che tenga conto dell’attuale società".

Occorre agire in due direzioni, continua Petrangolini: "lotta agli sprechi e razionalizzazione delle risorse, e una valutazione del sistema scolastico, a partire dalla selezione e formazione dei docenti fino ad arrivare alla valutazione di dirigenti e personale".

 

Comments are closed.